Altre Storie in primo piano:
Storie di Calcio  • email info@storiedicalcio.it
il FOOTBALL come lo abbiamo SOGNATO e AMATO
Novità editoriali: GOL MONDIALI, il primo libro del collettivo “Sport in punta di penna”
Back
Next
 
La squadra ungherese, superata dal Real Madrid nella finale della
Coppa Uefa 1984/85, riportò in auge, per una stagione, il calcio
danubiano
 
La storia del famoso rigore di Panenka, in Italia conosciuto col
nome di "cucchiaio", cioè quel rigore battuto con un tocco smorzato
e centrale al termine di una rincorsa veemente, tale da ingannare il
portiere avversario e indurlo a tuffarsia lato.
 
L'incredibile parabola del calciatore franco-algerino. Dai fasti dei
Mondiali 1930 al al 26 dicembre 1944, quando sarebbe stato
fucilato come traditore
 
Ci possono essere molte ragioni per cui un calciatore professionista
non riesce a trovare il successo nel suo paese. Otto mini-storie di
otto giocatori che hanno scelto di giocare all'estero diventando in
alcuni casi dei veri eroi con la loro nuova patria.
 
Ecco come a squadra delle Isole Samoa Americane, la peggiore in
assoluto nel ranking Fifa, ha ottenuto la prima vittoria della sua
storia...
 
Il titolo non è originale: ci ha ispirato un libro scritto da Paul
McGuigan (sì, il bassista degli Oasis) e Paolo Hewitt; in realtà
abbiamo tralasciato un pezzo di tale titolo. Rimediamo. Il più
grande calciatore che non avete mai visto: la storia di Robin Friday.
 
Quella volta che nel 1976 un bicchiere di Sangiovese oltrepassò il
muro di Berlino: l'avventura del Cesena in Coppa UEFA contro i
tedeschi del Magdeburgo
   
 
Nell'estate del 1990 ci sono i Mondiali in Italia. Le Notti Magiche, i
gol di Totò Schillaci, il pianto di Maradona e il Camerun.
Ripercorriamo le gesta di quella squadra di marcantoni venuti
dall'Africa Equatoriale per stupire il Mondo...
 
La Francia in fatto di Mondiali di calcio può certamente dire la sua:
un suo cittadino, Jules Rimet, lo ha addirittura inventato, ma il
record firmato da Just Fontaine, resta di tutto rilievo: 13 gol
realizzati in una sola edizione, quella del 1958 in Svezia.
 
Al giorno d'oggi, quasi trecento giocatori hanno raccolto 100
presenze internazionali o più, ma ricordiamoci che prima della
seconda guerra mondiale arrivare a 50 presenze era un risultato
notevole.
 
Sarebbe fantascientifico se un giorno potessimo vedere
quest’incredibile isola affiliata a qualche federazione continentale,
per affermare definitivamente il successo di questa piccolissima
nazionale...
 
La grande passione calcistica della band inglese. Waters tra i pali,
Wright terzino, Mason in mediana e Gilmour ala destra: la storia del
“First Eleven” pinkfloydiano, uno dei maggiori esempi della stretta
connessione tra calcio e musica rock.
 
Domenica 19 ottobre 1980: pareggiando a Brescia, la squadra
calabrese balzò al comando del massimo campionato. Per i
giallorossi fu il punto più alto di un biennio contrassegnato da
Palanca e Bivi in zona gol, Burgnich e Pace in panchina.
  
 
Destino comune ad innumerevoli altri paesi, il calcio viene importato
in Giappone grazie agli inglesi: è il 1873 quando Sir Archibald Lucius
Douglas, ufficiale della marina britannica nonché docente presso
l'accademia navale di Tokyo, inizia ad esibire le sue doti da
palleggiatore durante le esercitazioni degli studenti...
 
Nella stagione 1973/74, dopo una pessima partenza, l’arrivo del
fuoriclasse olandese permise ai catalani, guidati da Rinus Michels, di
vincere la Liga a quattordici anni di distanza dall’ultimo titolo
nazionale.
  
 
Il 10 novembre 2009 Robert Enke, il portiere della nazionale
tedesca, è sceso in campo per l'ultima volta. Ha detto a sua moglie
che andava ad allenarsi, è salito sulla sua Mercedes 4x4 e si è
diretto verso un piccolo paese con un nome che forse gli sarà
sembrato significativo: Himmelreich, regno del cielo.
 
Per milioni di persone, il calcio - lo sport che forse più di ogni altro
stimola spostamenti di persone nel mondo intero - tiene il posto
tradizionalmente occupato dalla religione.

  
 
Nel gennaio ’50, all’Arena di Milano, si disputò una stracittadina con
finalità benefiche. L’Airone in maglia rossonera superò nettamente il
“Ginettaccio” nerazzurro.

  
 
La storia delle sfide, solo calcistiche e non a colpi di cannone, tra la
Corea del Nord e la Corea del Sud. Il football si propone ancora
come collante per le divisioni politiche

  
 
Allenata da Piero Andreoli, la squadra rossazzurra vinse il
campionato di B. Tra i protagonisti di quella storica stagione degli
etnei spiccarono il futuro Ct campione del mondo, Enzo Bearzot, il
goleador Manenti, capitan Fusco ed il portiere Seveso.