Altre Storie in primo piano:
Storie di Calcio  • email info@storiedicalcio.it
il FOOTBALL come lo abbiamo SOGNATO e AMATO
Novità editoriali: Milan Story, il nuovo libro di Sergio Taccone
Back
Next
 
Al giorno d'oggi, quasi trecento giocatori hanno raccolto 100
presenze internazionali o più, ma ricordiamoci che prima della
seconda guerra mondiale arrivare a 50 presenze era un risultato
notevole.
 
Sarebbe fantascientifico se un giorno potessimo vedere
quest’incredibile isola affiliata a qualche federazione continentale,
per affermare definitivamente il successo di questa piccolissima
nazionale...
 
La grande passione calcistica della band inglese. Waters tra i pali,
Wright terzino, Mason in mediana e Gilmour ala destra: la storia del
“First Eleven” pinkfloydiano, uno dei maggiori esempi della stretta
connessione tra calcio e musica rock.
 
Domenica 19 ottobre 1980: pareggiando a Brescia, la squadra
calabrese balzò al comando del massimo campionato. Per i
giallorossi fu il punto più alto di un biennio contrassegnato da
Palanca e Bivi in zona gol, Burgnich e Pace in panchina.
  
 
Destino comune ad innumerevoli altri paesi, il calcio viene importato
in Giappone grazie agli inglesi: è il 1873 quando Sir Archibald Lucius
Douglas, ufficiale della marina britannica nonché docente presso
l'accademia navale di Tokyo, inizia ad esibire le sue doti da
palleggiatore durante le esercitazioni degli studenti...
 
Nella stagione 1973/74, dopo una pessima partenza, l’arrivo del
fuoriclasse olandese permise ai catalani, guidati da Rinus Michels, di
vincere la Liga a quattordici anni di distanza dall’ultimo titolo
nazionale.
  
 
Il 10 novembre 2009 Robert Enke, il portiere della nazionale
tedesca, è sceso in campo per l'ultima volta. Ha detto a sua moglie
che andava ad allenarsi, è salito sulla sua Mercedes 4x4 e si è
diretto verso un piccolo paese con un nome che forse gli sarà
sembrato significativo: Himmelreich, regno del cielo.
 
Per milioni di persone, il calcio - lo sport che forse più di ogni altro
stimola spostamenti di persone nel mondo intero - tiene il posto
tradizionalmente occupato dalla religione.

  
 
Nel gennaio ’50, all’Arena di Milano, si disputò una stracittadina con
finalità benefiche. L’Airone in maglia rossonera superò nettamente il
“Ginettaccio” nerazzurro.

  
 
La storia delle sfide, solo calcistiche e non a colpi di cannone, tra la
Corea del Nord e la Corea del Sud. Il football si propone ancora
come collante per le divisioni politiche

  
 
Allenata da Piero Andreoli, la squadra rossazzurra vinse il
campionato di B. Tra i protagonisti di quella storica stagione degli
etnei spiccarono il futuro Ct campione del mondo, Enzo Bearzot, il
goleador Manenti, capitan Fusco ed il portiere Seveso.
  
 
Finale Coppa Campioni 1988/89: 4-0 alla Steaua Bucarest e il Milan
di Sacchi, di Gullit e Van Basten stravince. Una partita diventata nel
tempo un vero e proprio manuale del calcio moderno
 
  
 
Nella calda estate del 1983 l'Udinese effettua un grande colpo di
mercato: Arthur Antunes Coimbra, detto Zico, arriva, dopo un'estate
di grattacapi giurisdizionali e sommovimenti popolari, nel
capoluogo friulano...
  
 
Il primo, quando la Cortina era ancora di Ferro, fu Zavarov. Sono
poco più di venti, in altrettante stagioni, i calciatori che hanno
calcato i campi della massima serie arrivando dalle repubbliche
della ex URSS. Molte le loro storie, pochissime quelle di successo.
 
 
26 giugno 2003, allo Stade de France di Saint Denis si giocata la
semifinale della Confederations Cup tra Colombia-Camerun. Al
settantaduesimo minuto il calciatore africano Marc Vivien Foe,
ventotto anni, si accascia sul prato, nel cerchio di centrocampo...
 
 
Nella stagione 1987/88, la squadra orobica, militante nel
campionato di serie B, sfiorò la qualificazione alla finale di Coppa
delle Coppe. Il sogno s’infranse contro i belgi del Malines.

 
Durante gli anni 70 il Saint Etienne di Herbin si impone come una
delle più belle realtà europee vincendo cinque campionati (di cui
quattro consecutivi) e tre Coppe di Francia e con il grosso rimpianto
della finale di Coppa Campioni pers contro il Bayern nek 1976
 
Nel maggio del 1982, la Fiorentina di Picchio De Sisti vide sfumare il
titolo sul filo di lana e con un gol annullato, all’ultima giornata, a
Ciccio Graziani. Un sogno infranto in una stagione contrassegnata
dal grave infortunio di Antognoni.